Uno degli strumenti SEO più potenti e spesso sottovalutati è Google Search Console. Conosciuto in passato come Strumenti per Webmaster, Google Search Console è una suite di strumenti che garantisce la salute e la compatibilità del vostro sito web con Google. Tuttavia, il suo potenziale va ben oltre.

Non solo vi aiuta a individuare e risolvere problemi tecnici legati alla SEO, ma offre anche preziose informazioni sulle pagine più popolari del vostro sito, la vostra posizione nelle classifiche di ricerca, e vi supporta nell’aumentare il traffico organico.

Google Search Console (GSC) è completamente gratuito e può essere utilizzato da qualsiasi sito web, indipendentemente dalla piattaforma su cui è costruito. Per sfruttarlo al meglio, è fondamentale configurarlo correttamente, interpretare le metriche fornite e sapere come utilizzare le sue funzionalità.

  1. Google Search Console: cos’è?
  2. Funzionalità Principali di Google Search Console
  3. Come configurare Google Search Console sul tuo sito web

Google Search Console: cos’è?

Google Search Console, o GSC, è uno strumento essenziale offerto gratuitamente da Google, che consente ai proprietari di siti web di monitorare, mantenere e risolvere problemi legati alla presenza del proprio sito nei risultati di ricerca di Google.

Se hai un sito web aziendale, utilizzare Google Search Console può fare una grande differenza nel migliorare la visibilità del tuo sito e ottimizzare le tue strategie SEO.

Funzionalità Principali di Google Search Console.

1. Panoramica delle prestazioni

La sezione delle prestazioni fornisce dati dettagliati su come il tuo sito web si comporta nei risultati di ricerca di Google. Puoi visualizzare metriche come:

  • Click: Il numero di volte che gli utenti hanno cliccato sui tuoi link nei risultati di ricerca.
  • Impressioni: Quante volte i tuoi link sono stati mostrati nei risultati di ricerca.
  • CTR (Click-Through Rate): La percentuale di impressioni che hanno generato un clic.
  • Posizione Media: La posizione media del tuo sito nei risultati di ricerca per le query monitorate.

GSC Dashboard
Questi dati sono cruciali per comprendere l’efficacia delle tue strategie SEO e identificare opportunità di miglioramento.

2. Copertura dell’Indice

La copertura dell’indice ti permette di monitorare lo stato di indicizzazione delle tue pagine. Puoi vedere quali pagine sono state indicizzate correttamente e quali presentano errori. Google segnala problemi come:

  • Errori di indicizzazione: Pagine che non possono essere indicizzate a causa di errori.
  • Avvisi: Pagine indicizzate ma che presentano problemi minori.
  • Pagine escluse: Pagine che non sono state indicizzate e il motivo per cui sono state escluse.

Risolvere questi problemi è essenziale per garantire che il tuo contenuto sia visibile nei risultati di ricerca.

GSC Pagine non indicizzate

3. Invio della Sitemap

La sezione Sitemap ti permette di inviare e gestire le sitemap del tuo sito. Una sitemap è un file che elenca tutte le pagine del tuo sito web e aiuta Google a scoprirle e indicizzarle più efficacemente. Assicurati di mantenere la tua sitemap aggiornata e di monitorare lo stato di indicizzazione delle pagine incluse.

Approfondimento: Sitemap xml: cos’è e come si invia a Google

4. Rimozione degli url

Con lo strumento Rimozioni, puoi richiedere la rimozione temporanea di contenuti dai risultati di ricerca di Google. Questo è utile se hai contenuti obsoleti, errati o sensibili che desideri rimuovere rapidamente dai risultati di ricerca. Puoi anche utilizzare questa funzione per gestire le URL che non vuoi siano visibili temporaneamente.

Come configurare Google Search Console sul tuo sito web.

Configurare GSC sul tuo sito web è un processo semplice ma fondamentale per iniziare a monitorare e ottimizzare la presenza del tuo sito nei risultati di ricerca di Google.

Ecco i passaggi da seguire per configurarlo correttamente:

  1. Accedi a GSC: Vai alla pagina Google Search Console e accedi con il tuo account Google. Se non hai un account Google, dovrai crearne uno.
    Aggiungi proprietà Google Search Console
  2. Aggiungi una Proprietà: Clicca su “Aggiungi proprietà” e inserisci l’URL del tuo sito web nella card di sinistra “Dominio”.
    Aggiunta dominio su Google Search Console
  3. Verifica la Proprietà: GSC richiede la verifica della proprietà del sito attraverso l’aggiunta di un record TXT nel tuo provider di dominio.
    Ecco le guide su come inserirlo per alcuni dei principali provider:

  4. Invia la Verifica: Dopo aver completato uno dei metodi di verifica, clicca su “Verifica”. Google controllerà se il metodo scelto è stato implementato correttamente.