Attirare visitatori nel proprio sito è solo la punta dell’iceberg. Una volta che arrivano, come ci si assicura che compiano l’azione desiderata, che si tratti di un acquisto, di un’iscrizione o semplicemente di un click su un determinato link?
La risposta risiede nell’ottimizzazione del Conversion Rate.

Ma cosa si intende esattamente per Conversion Rate? Quali fattori lo influenzano? E, soprattutto, come possiamo migliorarlo?

Definizione di Conversion Rate.

Il conversion rate, o Tasso di Conversione, rappresenta la percentuale di visitatori che compiono un’azione specifica sul tuo sito web rispetto al numero totale di visitatori. Questa “azione” può variare a seconda degli obiettivi del tuo sito: potrebbe trattarsi di un acquisto, l’iscrizione a una newsletter, la compilazione di un modulo o qualsiasi altra azione che tu consideri preziosa.

La formula per calcolare il conversion rate è piuttosto semplice:

Conversion rate = (numero di conversioni / numero di visitatori) * 100

Ad esempio, se il tuo sito web ha avuto 1.000 visitatori in un mese e 50 di loro hanno effettuato un acquisto, il tuo Conversion Rate per quel mese sarebbe del 5%.

Importanza del Conversion Rate

Perchè dovresti preoccuparti del tuo Conversion Rate?

Ecco alcune ragioni:

  1. ROI (Return on Investment): aumentando il tuo conversion rate, aumenti direttamente il tuo ROI. Più persone che compiono azioni sul tuo sito significa più vendite, iscrizioni o qualsiasi altra azione che genera valore per la tua azienda.
  2. Efficienza delle Risorse: una migliore conversione significa che stai ottenendo di più dalle tue risorse esistenti. Invece di spendere somme ingenti per attirare più traffico, puoi ottimizzare la tua conversione e ottenere più risultati dal traffico attuale.
  3. Concorrenza: in un mercato sempre più competitivo, ogni vantaggio conta. Un tasso di conversione ottimizzato ti dà un vantaggio rispetto ai concorrenti che non lo hanno.

Cosa influenza il Tasso di Conversione?

Mentre il conversion rate è una chiara indicazione di quante persone stanno compiendo un’azione desiderata sul tuo sito web, ci sono vari elementi che possono influenzare questo tasso. Conoscere e ottimizzare questi elementi può aiutarti a migliorare il tuo tasso di conversione e, di conseguenza, il tuo business online.

Ecco alcuni dei principali fattori:

Design del sito

  • Layout: un layout pulito e ben organizzato può guidare l’utente attraverso il tuo sito e portarlo all’azione desiderata.
  • Usabilità: un sito intuitivo e facile da navigare rende più probabile che un visitatore compia un’azione. L’utente dovrebbe essere in grado di trovare ciò che cerca in pochi secondi.
  • Call-to-action (CTA) visibili: I bottoni e i messaggi di CTA dovrebbero essere chiari, visibili e invitanti.

Qualità del contenuto

  • Chiarezza delle informazioni: i visitatori dovrebbero essere in grado di comprendere rapidamente ciò che offri e perché dovrebbero compiere un’azione.
  • Qualità delle immagini e dei video: un’immagine vale più di mille parole. Utilizza immagini e video di alta qualità che mostrino chiaramente il tuo prodotto o servizio.

Velocità del sito

I tempi di caricamento sono cruciali. Gli utenti non aspetteranno un sito lento, e se il tuo sito impiega troppo tempo per caricarsi, potresti perdere potenziali conversioni.

Strumento consigliato: PageSpeed Insights

Esempio Speed Test
Speed test di un nostro articolo

Ottimizzazione per dispositivi mobili

Viviamo nell’era del mobile. Il tuo sito dovrebbe essere altrettanto funzionale e attraente su smartphone e tablet quanto su un desktop.

Fiducia e sicurezza

Garantire che il tuo sito sia sicuro e che gli utenti si sentano al sicuro nel fornire informazioni personali o dettagli di pagamento. L’uso di certificati SSL e badge di sicurezza può aiutare in questo senso.

Testimonianze e Recensioni

La prova sociale può avere un enorme impatto sulle decisioni degli utenti. Mostrare recensioni reali e testimonianze può aumentare la fiducia e, di conseguenza, le conversioni.

Ottimizzazione del conversion rate.

Ora che abbiamo esaminato gli elementi che possono influenzare il tasso di conversione, è il momento di entrare nel cuore dell’ottimizzazione. Dopo tutto, avere consapevolezza dei fattori che influenzano le conversioni è solo il primo passo. Il successivo è agire su tali conoscenze.

  1. A/B Testing (o Split Testing)

    Si tratta di confrontare due versioni di una pagina web o di un’app per vedere quale performa meglio in termini di conversione. Ad esempio, potresti testare due diversi bottoni call-to-action per vedere quale incita più utenti a cliccare.
    Questa metodologia è basata su dati reali e feedback degli utenti, eliminando le supposizioni.

    Lettura consigliata: Test A/B: la guida completa

    test ab come viene fatto

  2. Heatmaps (mappe di calore)

    Questi strumenti grafici mostrano dove gli utenti cliccano, si soffermano o scrollano sul tuo sito. Ciò può aiutarti a capire quali aree attirano maggiormente l’attenzione e quali vanno rivisitate.

    Strumento consigliato: Hotjar
    Hotjar Esempio

  3. Analisi del Funnel di Conversione

    Monitora e analizza il percorso che l’utente segue sul tuo sito, identificando eventuali punti in cui abbandona il processo. Questo può aiutarti a capire e risolvere i punti di attrito.

  4. Personalizzazione

    Adattare l’esperienza dell’utente in base al suo comportamento, alla sua posizione geografica, al dispositivo utilizzato e ad altri fattori può aumentare significativamente il tasso di conversione.
    La personalizzazione può spaziare dalla presentazione di prodotti correlati a offerte speciali basate sul comportamento di acquisto precedente.

  5. Remarketing e Retargeting

    A volte, i visitatori hanno bisogno di più punti di contatto prima di convertirsi. Il retargeting ti consente di mostrare annunci mirati agli utenti che hanno già visitato il tuo sito, ricordando loro ciò che potrebbero aver perso.

  6. Feedback degli utenti

    Raccogliere feedback diretti dai tuoi visitatori può offrire intuizioni preziose. Strumenti come sondaggi, questionari o interviste possono aiutarti a capire cosa apprezzano o cosa ritengono possa essere migliorato.

    Strumento consigliato: Trustpilot

    Trustpilot Esempio

  7. Ottimizzazione per la ricerca vocale

    Con l’aumento degli assistenti vocali come Siri, Alexa e Google Assistant, assicurati che il tuo contenuto sia ottimizzato anche per la ricerca vocale.

L’ottimizzazione del tasso di conversione non è un’operazione “una tantum”, ma un processo continuo. Il mercato, le tecnologie e il comportamento degli utenti sono in costante evoluzione. Pertanto, è fondamentale rimanere aggiornati, testare e adattarsi alle nuove tendenze e ai feedback degli utenti.